HTC Desire 820: Recensione

Oggi vi proponiamo la recensione di un prodotto da 5,5 pollici di HTC, Desire 820, andiamo a scoprirlo insieme!

 

Confezione:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nella confezione di vendita troviamo innanzitutto il phablet, successivamente delle cuffie standard, non in-ear dalla fattura e qualità buona, un cavo USB-MicroUSB per la ricarica e la sincronizzazione con il PC, un alimentatore da parete e infine della manualistica rapida all’utilizzo.

Design e Costruzione:

Questo slideshow richiede JavaScript.

HTC Desire 820 è costruito interamente in plastica lucida che fornisce un design molto interessante, ma allo stesso tempo non garantisce una presa molto salda nella mano, visto anche il display ampio da 5,5 pollici. Per il resto abbiamo le classiche casse stereo BoomSound di HTC che suonano bene e dei profili in color grigio che rendono lo smartphone meno anonimo. I tasti, posti sul lato destro, non restituiscono un gran feedback al click, ma sono posizionati in una posizione abbastanza accessibile.

Display:

Il display è un’unità da 5,5 pollici in risoluzione HD (1280x720p) con tecnologia IPS che rende bene sia in esterno che in interno con una buona luminosità. Il touch rimane sempre molto reattivo e preciso, ma secondo noi potevano essere sfruttate meglio le cornici del display.

Hardware:

Il processore che abbiamo montato all’interno di questo prodotto è uno Snapdragon 615 Octa Core a 64bit che non viene utilizzato, vista la presenza di Android 4.4 KitKat. Affiancato alla CPU abbiamo 2GB di RAM e 16GB di memoria interna, espandibile fino a 128GB con la microSD. Le dimensioni sono di 158x79x7,74mm di spessore con un peso di 155gr, non molto maneggevole, ma leggero e con un peso ben calibrato. La fotocamera posteriore è da 13 MP, sensore BSI, apertura f/2.2, obiettivo da 28 mm con registrazione video a 1080p, mentre quella frontale: è da 8 MP, sensore BSI con registrazione video a 1080p. Abbiamo  connettività 4G LTE e HSPA fino a 42mbps, Wi-Fi Dual Band ac/b/g/n, Miracast, Bluetooth 4.0 e GPS con A-GPS.

Ricezione:

Dal lato ricezione non ci sono problemi, il telefono prende veramente bene, anche in luoghi con poco segnale, la rete dati ogni tanto si interrompe, basta riavviare il device e si risolve.

Fotocamera:

La due fotocamere hanno prestazioni molto differenti, se la fotocamera frontale da 8MP scatta foto e registra video di ottima qualità, con tanti dettagli e poco rumore, la fotocamera posteriore da 13MP ha del rumore sia in condizioni di poca luminosità che in ambienti molto luminosi e uno zoom che sgrana molto gli scatti. Per il resto la messa a fuoco e lo scatto sono molto rapidi e l’interfaccia di HTC è molto semplice ed efficace.

Autonomia:

La batteria è una 2600mah che con utilizzo stress (4 mail in push, social, messaggistica istantanea e connessione dati permanente per tutta la giornata) ci fa arrivare a metà pomeriggio, mentre in Wi-Fi si hanno delle buone prestazioni, si arriva tranquillamente a fine giornata.

Software:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il software che troviamo preinstallato è il classico di HTC con interfaccia Sense 6, molto gradita e con ottime implementazioni al suo interno. Il launcher di sistema comprende l’aggregatore di Feed RSS e Social chiamato BlinkFeed che personalmente ho tenuto attivo, ma l’ho usato veramente poco, lo ritengo un po’ inutile. La distribuzione su cui è basato il sistema è Android alla sua versione KitKat 4.4.4 che offre un’ottima stabilità e pochi crash di applicazioni. Abbiamo la possibilità di modificare a pieno l’interfaccia, agendo sui vari temi proposti nello store di HTC, alcuni molto carini con pacchetti icone interessanti. Per il resto troviamo le classiche app preinstallate su tutti i prodotti della casa, tra cui: l’app Auto, quella per i Backup e il ripristino del software, quella per la prima configurazione del device, un gestore di file, la modalità bambino e infine la guida per scoprire tutte le funzioni della Sense 6.

Browser:

Il browser di HTC è una garanzia, navigazione molto fluida e la possibilità del reincolonnamento del testo alla larghezza del nostro zoom che avviene in una frazione di secondo.

Multimedia:

Le applicazioni per il multimedia sono molto ben strutturate e hanno anche una grafica molto accativante, come del resto tutto il software HTC, abbiamo infine una riproduzione fluida di contenuti multimediali video.

Giochi:

Per quanto riguarda la riproduzione dei giochi non ci sono particolari problemi, abbiamo provato con Beach Buggy Racing che non ha rallentato il prodotto, nemmeno dopo lunghe sessioni di gioco, mentre si è fatto sentire il calore che si è formato nella parte posteriore, al di sopra del logo HTC (54°C temperatura percepita da Cpu Temperature).

Prezzo:

Il prezzo non è uno dei suoi punti forti, visto che si trova a 376 euro su Amazon.it con spedizione gratuita.

Conclusioni:

Il prodotto in se è promosso visto il software e la Sense 6, ma l’impossibilità di utilizzare il 64bit (almeno fino a quando non arriverà Lollipop) e il prezzo no, con 376 euro si può puntare ad altri dispositivi, come il buon vecchio G2 che ha da poco ricevuto Lollipop e Note 3 Neo.

Share.

About Author

Matteo Biagiotti

Fondatore di WarNerd. Sono appassionato di tecnologia fin da quando ero bambino, ed ora dirigo questo sito con i miei cari amici. Per contattarmi potete farlo sui vari social o tramite questo indirizzo mail: [email protected]