iTunes Radio tra i più popolari in America

iTunes Radio, servizio di Apple simile a Spotify. Il servizio della casa di Cupertino è arrivato al terzo servizio più popolare di streaming musicale negli Stati Uniti.

Un nuovo articolo rivela che in meno di 6 mesi del nuovo sistema operativo di casa Apple , iOS 7, il servizio iTunes Radio è diventato il terzo più popolare negli Stati Uniti, superando addirittura il noto Spotify di due punti.

streaming_services_chart_mar_14-800x570

Dalle ultime informazioni, oltre 20 milioni di utenti il servizio più utilizzato rimane Pandora, che detiene il 31% del mercato, al secondo posto troviamo iHeartRadio con il 9% subito seguito iTunes Radio con l’8% dello share. Spotify uno dei servizi più rinnomati, scende quindi in quarta posizione con “appena” il 6% di ascoltatori che lo utilizzano. Tra gli altri servizi che iTunes Radio ha superato troviamo, in ordine, Google Play All Access, Rhapsody, Slacker e TuneIn Radio.

Mentre gli utenti possono liberamente saltare tra i vari servizi (e almeno un report ha suggerito che il 92% degli ascoltatori di iTunes Radio trova anche il tempo per Pandora), questa figura suggerirebbe che iTunes Radio sta crescendo al tasso più veloce dei primi 3 servizi, ed è in grado di superare iHeartRadio nel prossimo trimestre o due.

Apple sta puntando ad espandere il servizio di iTunes Radio in oltre 100 Paesi, come sostiene il vice presidente senior dei software e servizi internet Eddy Cue. Visti i passi da gigante che la compagnia sta facendo, si prevede che Apple sarà capace di espandere il servizio molto più velocemente rispetto quanto fatto dagli altri competitori, e questo è possibile grazie ad accordi e diritti internazionali che l’azienda di Cupertino ha con diverse case discografiche tra cui la Universal Music Group.

 

Fonte | Vai

Share.

About Author

Matteo Biagiotti

Fondatore di WarNerd. Sono appassionato di tecnologia fin da quando ero bambino, ed ora dirigo questo sito con i miei cari amici. Per contattarmi potete farlo sui vari social o tramite questo indirizzo mail: [email protected]