LG G Pro Lite: Recensione

Ben ritrovati amici di WarNerd per una nuova recensione, oggi vi dico cosa ne penso dell’LG G Pro Lite, phablet da 5,5″ con ottima autonomia e alcune chicche implementate da LG!

Contenuto della confezione :

Nella scatola troviamo :

  • Alimentatore da parete con ingresso USB da 2A
  • Cavo USB-microUSB per la ricarica e la sincronizzazione con il PC
  • Cuffiette stereo di qualità abbastanza economica

Passiamo alla scheda tecnica che offre un hardware di vecchio stampo.

Scheda tecnica :

  • Display 5,5” qHD IPS
  • CPU Dual-Core Mediatek MT6577 da 1GHz
  • GPU PowerVR SGX 531
  • 1 GB di RAM
  • 8 GB di memoria (4gb disponibili all’avvio) espandibili con mSD
  • Fotocamera da 8 mpx + 1,3 mpx frontali
  • Batteria removibile da 3140 mah

Adesso passiamo alla recensione vera e propria.

Costruzione ed Ergonomia:

Dal punto di vista costruttivo LG G Pro Lite si presenta con una cover posteriore in plastica, non molto robusta, comunque rifinita con una trama tridimensionale gradevole alla vista. Per quanto riguarda la costruzione in generale ho notato particolari scricchiolii tenendolo in mano, che però non ne compromettono l’utilizzo. I tasti fisici laterali sono facili da premere e da raggiungere, nonostante le importanti dimensioni del dispositivo. Il plus lo abbiamo con il tasto home frontale che ha incorporato un led che ci si accenderà quando riceveremo una notifica, peccato solo che sia troppo infossato e quindi a volte difficile da premere.

Display :

La dimensione del display di questo phablet è da 5,5 pollici e la risoluzione qHD di 540 x 960 pixel con una densità di pixel pari a 200 dpi, poco per gli standard attuali. Manca poi anche il sensore di luminosità e questa va quindi regolata manualmente, per fortuna è comunque abbastanza alta e l’angolo di visione è molto buono, così come la resa dei colori.

Hardware:

LG G Pro Lite è dotato di un processore Mediatek dual core (Cortex A9) da 1 GHz e da una GPU PowerVR SGX 531, Nonostante l’architettura recente le prestazioni sono a malapena sufficienti. Abbiamo poi 1 GB di RAM e 8 GB di memoria interna (di cui 4gb disponibili all’avvio) espandibili tramite microSD. La connettività HSUPA si ferma poi ai 7.2 Mbps e il bluetooth è solo 3.0. La rete Wi-Fi invece supporta lo standard N. Per quanto riguarda la parte audio notiamo un audio abbastanza alto però la qualità è lievemente compromessa da un suono abbastanza cupo e chiuso. È presente l’NFC ma manca un’uscita video. La più importante perdita è sicuramente l’assenza di vibrazione e retroilluminazione per i tasti touch frontali.

Fotocamera:

La fotocamera di G Pro Lite è da 8 megapixel, dotata di autofocus e flash led. La qualità degli scatti che realizza è discreta, con un po’ di rumore video, ma con colori quasi paragonabili alla realtà. Il software della fotocamera non offre funzionalità di rilievo, se non la possibilità di scattare le foto al cheese con un comando vocale. I video vengono registrati a 720p, 30fps, discreti anche questi.

Ricezione:

Parliamo ora della parte ricezione di questo smartphone. La ricezione è buona , la qualità in capsula pure e il nostro interlocutore ci sente bene.  La ricezione del wifi  è discreta come quella del GPS.

Software:

LG commercializza questo phablet con una versione di Android non aggiornata, in questo caso la 4.1 Jelly Bean (ormai 3 versioni di Android fa), ma a parte questo dettaglio la personalizzazione dell’LG G Pro Lite è ormai sinonimo di discreta qualità, anche se magari andrebbero fatti dei rinnovamenti estetici. Le curiose implementazioni sono la possibilità di utilizzare il phablet come telecomando, di prendere appunti (con la penna capacitiva che trova spazio nella parte alta del dispositivo) su qualsiasi schermata e infine di aprire alcune applicazioni (QSlide Apps) in una finestra da poter tenere sempre in sovraimpressione. E’ possibile anche abilitare il risveglio con il “toc toc”, che è molto impreciso (ci becca una volta su dieci) non come accade su G2.

La batteria del Lumia 1520 è una 3400 mah che mi ha veramente sorpreso portandomi a più di un giorno intero di utilizzo intenso, cosa che raramente mi capita con altri smartphone.

Browser:

La navigazione web è abbastanza buona, ci offre una discreta fluidità una volta caricato il sito web, ci impiega però qualche secondo in più rispetto ad altri prodotti simili a finire di caricare.

Multimedia:

Abbiamo parlato prima della parte fotocamera, adesso ci soffermiamo sulla galleria di sistema che è fluida, ma non supporta video in HD e FullHD, comunque si ferma a leggere i 480p. Molto buono il lettore musicale, con la possibilità di equalizzare l’audio in cuffia.

Autonomia:

L’autonomia di questo dispositivo mi ha convinto e mi ha portato con il mio utilizzo intenso (Chat, Facebook, Twitter, 3 caselle email in push, visione di video su YouTube, giochi ecc…) di arrivare verso le 21.

Prezzo :

Il prezzo ufficiale è di 299€, mentre online (sul sito degli Stockisti) si trova a 219€. I colori disponibili sono bianco e nero. Il prezzo di lancio non è adatto per un terminale che ha caratteristiche hardware di qualche anno fa, ma risparmiando una 80 di euro e acquistandolo a 219€ non è niente male.

Giudizio Finale:

Questo LG G Pro Lite mi ha stupito per la sua autonomia, che mi ha consentito di arrivare a fine giornata, ma mi sarei aspettato un hardware più recente e magari un prezzo più contenuto, magari sui 200€.

VideoReview:

[iframe width=”560″ height=”315″ src=”//www.youtube.com/embed/H-lShWXQMic” frameborder=”0″ allowfullscreen]
0%
Share.

About Author

Matteo Biagiotti

Fondatore di WarNerd. Sono appassionato di tecnologia fin da quando ero bambino, ed ora dirigo questo sito con i miei cari amici. Per contattarmi potete farlo sui vari social o tramite questo indirizzo mail: [email protected]