Recensione: Motorola Moto G4. Uno smartphone ricco di sorprese ed estremamente produttivo

Bentornati amici di WarNerd, oggi vi proponiamo la recensione di un terminale, veramente interessante, stiamo parlando di Motorola Moto G4, andiamo quindi a scoprirlo insieme.

Introduzione

Prima di tutto, un pò di storia. Parliamo del celebre marchio Motorola, la cui celebre nascita risale agli anni 30, puntando fin da subito alla produzione di componentistiche elettroniche e telefoni. L’azienda fu maggiormente conosciuta sul mercato soprattutto per il primo telefono cellulare portatile realizzato nel 1973 questo apparecchio era denominato commercialmente come  Motorola DynaTAC, ma ricordiamo anche i celebri MicroTAC, i cosiddetti “nonni” dei nostri smartphone attuali.

Il Brand, quindi continuò soprattutto su questa via, giungendo al 2011, con l’acquisizione da parte di Google Inc. e nel 2014 con la cessione da parte di Google stessa a Lenovo, acquistando il 95% delle quote della compagnia. Il cavallo di battaglia del marchio Lenovo/Motorola, saranno i device Moto serie E/F/G/X su cui vedremo anche gli effetti delle mutazioni del marchio, soprattutto nel software, poichè fino al 2016, soprattutto nel Moto G4, con Android Marshmallow (6.0 – 6.0.1), troviamo al boot il marchio Lenovo Moto, mentre dal 2017 a causa di problemi commerciali, si torna a riutilizzare il simbolo M di Motorola, infatti anche Android Nougat (7.0) su Moto G4, rilasciato nei primi di Marzo 2017, porta con se la nuova variazione del marchio, mostrando l’intera animazione di booting con il marchio Motorola e la classica frase di rito “Hello Moto”.

Confezione

Questo slideshow richiede JavaScript.

La confezione dello smartphone, si costituisce basandosi su uno stile semplice e lineare, sfruttando le combinazioni bi-cromatiche, ovvero bianco/arancio, con in superficie una rappresentazione fotografica dello smartphone ed il testo “Moto G4” indicante il modello commercializzato. Inoltre in testa troviamo anche il marchio “M” di Motorola e nell’angolo in basso a destra della medesima faccia, anche il logo Lenovo. Le altre facciate della confezione, rimangono prive di ogni altro simbolo o riferimento, essendolo solo colorate di colore arancio, mentre nella faccia posteriore troviamo un disclaimer multilingua. Nella facciata inferiore, troviamo un breve riepilogo della scheda tecnica del dispositivo, indicata anche da un’iconografia, in modo che risaltino subito agli occhi, le specifiche che caratterizzano il prodotto.

Procedendo all’unboxing della confezione, troviamo in primo piano, il dispositivo stesso, il cui display è coperto da una pellicola adesiva, indicante le medesime miniature, che troviamo nella faccia inferiore del box, Sollevato lo smartphone, troviamo inoltre una breve rappresentazione che ci guida su come rimuovere la cover posteriore ed alloggiare la SIM e la MicroSD. Per altro Il terminale supporta nativamente sia Micro SIM che Nano sim, infatti viene commercializzato con gli adattatori, già forniti in dotazione ed alloggiati nei due slot SIM. Sollevato il medesimo vassoio porta smartphone, localizziamo il piccolo “manuale” d’uso rapido ed il caricabatteria da rete elettrica, con spina Italiana con collegamento terminale del tipo Micro USB.

Design e Qualità Costruttiva

Questo slideshow richiede JavaScript.

 Il terminale si presenta nella sua semplicità ed immediatezza ed usabilità, in quanto, nonostante le dimensioni di 153 x 76.6 x 9.8 mm e con un peso di 155 g, il terminale  riesce ad essere utilizzato, senza alcuna difficoltà, anche con cover applicate ad esso. Il Moto G4 frontalmente mostra ad un primo ed immediato impatto, l’ampio display da 5.5 pollici, la capsula auricolare/vivavoce ed adiacente ad essa, troviamo il sensore crepuscolare e di prossimità, senza dimenticare la camera frontale da 5Mpx. Infine troviamo anche il microfono primario. Il terminale, presenta inoltre una bordatura finemente realizzata in materiale plastico, color grigio opaco, che potrebbe far pensare a primo impatto che si tratti invece di una scocca in metallo. Nella parte superiore di quest’ultima, troviamo il connettore Jack da 3.5mm, mentre nella faccia destra, localizziamo il tasto d’accensione ed il bilanciere per il volume. Completa quindi la disposizione, il connettore micro USB, installato nella parte inferiore del telefono, in quanto la facciata sinistra, rimane priva di qualsivoglia elementi. Infine, nella facciata posteriore del prodotto, troviamo la cover removibile, color nero e realizzata in materiale plastico, con impresso il logo M con un’apposita bombatura, utile per posizionare il dito indice, specialmente se avete l’abitudine quando si parla al telefono, di tenerlo a mo di cavalletto. Localizziamo anche la presenza del corpo ottico posteriore da 13Mpx ed il secondo microfono, utilizzato per la soppressione rumori.

Display

Il display è del tipo LCD IPS  full HD, con una diagonale da 5.5″ pollici ed una risoluzione di 1920×1080 con un vetro del tipo Gorilla Glass 3, resistente ai graffi, fino ad un valore della scala di Mohs pari a 5. La gestione delle palette colori, è più che abbondante, grazie ad un ottima saturazione e calibrazione del display stesso. Per quanto concerne la visibilità, essa è garantita in maniera ottimale, anche in condizioni di luce intensa, esempio sotto il sole, in quanto basta settare la luminosità in via automatica o manuale, secondo le proprie preferenze, per godere appieno della leggibilità in ambiente esterno.

Hardware

Sotto la scocca di questo Moto G4, batte un Qualcomm Snapdragon 617 MSM8952 Octacore, suddiviso in 4×1.5 GHz Cortex-A53 e  4×1.2 GHz Cortex-A53, il tutto accompagnato da una Adreno 405 e 2GB di RAM con uno storage di 16Gb, espandibile via MicroSD fino a 256. Non manca inoltre, una fotocamera anteriore da 5Mpx e la posteriore da 13Mpx, con autofocus laser e doppio flash led bicolore ed infine, una coppia di microfoni, ovvero il primario, posizionato nella faccia superiore del display e il microfono posteriore per la soppressione dei rumori, localizzato nei pressi della fotocamera. Troviamo infine, una batteria non removibile da 3000mAh ed un modulo di rete con Bluetooth 4.1LE e supporto al profilo AD2P e WiFi a/b/g/n Dual Band, Hotspot ed un modulo A-GPS, GLONASS, BDS.

Prestazioni

Le prestazioni di questo Moto G4 ci hanno sorpreso in tutti gli ambiti, il SoC non sarà il più recente sul mercato, ma ciò fa perno sulla ottimizzazione della piattaforma, andando a garantire le migliori prestazioni, in ogni ambito. Una nota che ci ha particolarmente sorpresa è stata l’incremento dell’autonomia della batteria, grazie all’ottima gestione del risparmio energetico e dei consumi, adottati in android Nougat (7.0), che vanno a migliorare la buona autonomia che già il dispositivo aveva con Android Marshmallow (6.0), con cui usciva dalla casa madre. Non mancano alcuni microlag, specialmente nello switching veloce tra le app, tramite multitasking, problema tutt’al più di natura software, in quanto con Android 6, il problema non era praticamente presente. Per quanto concerne l’ambito gaming, il il dispositivo si comporta egregiamente anche con i titoli più massicci e conosciuti come Real Reacing 3, garantendo ottime prestazioni in gioco.

Fotocamera

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’applicazione Fotocamera è quella sviluppata da Motorola, solo per i suoi dispositivi e presenta un’interfaccia semplice, ma che contiene tutti gli elementi necessari ad elaborare e scattare le proprie foto e riprese video. Troviamo quindi: HDR, regolazione flash, temporizzatore ed il pulsante per commutare fra le due camere ed inoltre quello per scegliere la tipologia di scatto da acquisire, ovvero: Professionale (settaggi manuali), Rallentatore, Panorama e il classico Foto e Video. Con uno swipe del menu laterale, accediamo alle impostazioni di regolazione della camera che stiamo vedendo.. quindi esterna o interna e possiamo settare ciò che riteniamo più opportuno, fra le opzioni disponibili.

Nota: tutte le foto per questa review, sono state acquisite con il settaggio Automatico

Ecco alcuni rapidi scatti, effettuati in diversi scenari, dal macro a modalità di scatto Diurna e Notturna

Connettività

Questo slideshow richiede JavaScript.

La parte modem di questo smartphone, richiede ben poco su cui parlare, in quanto, nei lunghi test effettuati, con l’uso giornaliero ed intensivo, il telefono, non ha mai dato alcun problema, sia a livello di gestione del segnale telefonico, sia della parte audio in chiamata, in quanto, entrando nel dettaglio:

La parte modem, gestisce perfettamente il sistema dual sim, configurandone la priorità dal pratico menu di gestione SIM, permettendo di impostare, sia la tipologia di connessione dati da adottare sulla sim primaria (fino al 4G) e/o settare la priorità con cui chiamate e messaggi devono avvenire tramite le sim installate, dando all’utente la possibilità di interscambiare le chiamate avviate, prima che il telefono dell’interlocutore squilli e di decidere con quale sim inviare SMS, il tutto facilmente gestibile manualmente, volta per volta o automaticamente, sempre settando per l’appunto i parametri nella sezione poc’anzi indicata. Per altro, è possibile distinguere le due sim, attribuendo ad esse due colori diversi, in modo da sapere se stiamo chiamando con la sim 1 o la sim 2, onde evitare spiacevoli inconvenienti. Una nota particolare è da destinare al fattore per cui, la presenza di una doppia sim, pregiudica il funzionamento delle reti mobili, vincolando la connessione dati 3/4G solo alla sim primaria, mentre la sim secondaria, rimane in 2G. E’ supportato infine anche il dual standby per entrambi i moduli SIM, permettendo di disabilitare la sim che non intendiamo utilizzare in un preciso momento.

Per quanto concerne la connettività Wireless, il modulo wifi installato, è del tipo B/G/N con supporto al dual band, quindi 2.4Ghz e 5Ghz.

Software

Questo slideshow richiede JavaScript.

la ROM è sostanzialmente basata sulla AOSP di Google, a cui Motorola ha implementato le sue features, come il Moto Display e le Moto Action, ovvero precise gesture che possono essere compiute con un movimento specifico della mano, in modo da attivare determinate funzioni, ovvero:

  • Capovolgere per mod. “Non disturbare”
  • Doppio martello per la torcia
  • Rotazione per attivare Fotocamera
  • Sollevare per silenziare
  • Tracciare arco per minischermo

Al momento della recensione, lo smartphone, esegue la versione di Android 7.0 Nougat, che porta con se tantissime aggiunte e migliorie sia a livello di interfaccia grafica per l’utente che nella gestione delle notifiche, la privacy per le app e l’autonomia della batteria decisamente migliorata, ma per un changelog completo di ciò che porta esattamente con se Android Nougat, per Moto G4 e G4 Plus, basta consultare questo Link, esempio una delle funzioni più utili e tanto attese, è il dual windows, per poter affiancare l’esecuzione di due app in contemporanea, passando fra un app e l’altra, semplicemente con un Tap sulla schermata attiva.

Autonomia

Per quanto concerne il profilo dell’autonomia, lo smartphone raggiunge tranquillamente in media le 16 ore di autonomia, con un utilizzo intensivo dello smartphone, con un mix tra attività social, chiamate e navigazione web, mentre se tendiamo ad un utilizzo decisamente più moderato, l’autonomia va ben oltre anche la giornata piena. Il risparmio Energetico, presente nel sistema, è sostanzialmente quello basilare delle rom AOSP, senza ulteriori miglioramenti o profilazioni extra a seconda dei criteri di utilizzo. Nei miei utilizzi giornalieri, dove lo smartphone viene sfruttato appieno, il risparmio energetico, si attiva al 15% e prevalentemente a sera inoltrata, dopo aver adoperato il telefono per tutta la giornata, ed averlo caricato solo 1 volta; coprendo quindi quasi l’intera giornata

Unboxing & Video recensione

Lenovo Moto G4

Conclusioni

Il prodotto, per il prezzo a cui viene commercializzato, si comporta decisamente bene e non sminuisce affatto il suo operato. Lascia però l’amaro in bocca, il fatto di aver dotato questo terminale di soli 2Gb di RAM, in quanto, se l’utilizzo del prodotto diventa eccessivamente massivo, si rischia di incorrere nella saturazione della ram, quindi un giga di ram extra, non avrebbe certamente guastato, su un terminale come quest’ultimo, che diviene diretto concorrente di terminali come P9 Lite et simili, sulla medesima fascia di prezzo ed infine, la presenza di un caricabatteria da soli 0.5Ah, che per un terminale del genere, lo pone sotto una luce negativa, rispetto al fratello maggiore, G4+ che viene invece commercializzato con il caricabatteria Turbo Charger, in quanto ricordiamo che la serie Moto G4, supporta nativamente la ricarica rapida, da un caricabatteria predisposto con tale funzione.

Attualmente lo smartphone è acquistabile direttamente dai principali rivenditori, come Amazon,con un prezzo compreso tra i 150 ed i 190€.

NB: Per altro, come recentemente comunicato da Motorola stessa, in merito alla recente presentazione di Android O, il terminale riceverà la nuova versione del sistema operativo.

Acquista su Amazon

Motorola Moto G4

150
Motorola Moto G4
77

Design

9/10

    Prestazioni

    8/10

      Qualità Materiali

      8/10

        Rapporto Qualità/Prezzo

        8/10

          Packaging e Bundle

          6/10

            Pros

            • Display resistente ai graffi
            • leggero nonostante le generose dimensioni
            • livelli audio ben calibrati ed abbastanza forti
            • il sensore per la luminosità, riesce a dare l'ottimale luminosità al display, a seconda dei vari ambienti in cui ci troviamo, garantendo la migliore visualizzazione, senza sforzare la vista

            Cons

            • dotazione della confezione, veramente minimale
            • caricabatteria di serie, con amperaggio bassissimo
            • la fotocamera, spesso pecca negli scatti in notturna o in presenza di scarsa illuminazione esterna, creando un certo rumore nell'immagine
            Good

            Il prodotto è ben congeniato sotto il profilo qualitativo e durevolezza. Si presta bene all'utilizzo aziendale, grazie alla gestione delle doppie sim e l'autonomia che copre praticamente un'intera giornata lavorativa.

            Share.

            About Author

            Gianluca Barbagallo

            Appassionato di tecnologia fin da piccolo, redattore con esperienza alle spalle e pronto a dare sempre il giusto consiglio, in maniera obiettiva e tecnica. Curerò insieme ai colleghi, la parte Tecnologia e Movies. Per contattarmi, potete farlo mediante i vari social network o all'indirizzo mail: [email protected]