l'ibrido che unisce la comodità di un laptop con l'interfaccia intuitiva di un sistema Android.

Razer, leader nella creazione di dispositivi progettati per il gaming, dopo la creazione del suo primo device, durante il CES 2018, ha presentato “Project Linda”, un laptop da 13,3 pollici in cui il suo cuore pulsate è rappresentato dallo smarphone Android Razer Phone, un concept ibrido tra smartphone e laptop che rappresenterà una nuova era per il personal computing mobile, la familiarità dell’ambiente Android con la comodità di un laptop.

Essendo una delle poche aziende al mondo a cavallo tra interfacce utente, laptop e smartphone, Project Linda è un concetto rivoluzionario che rende meno netto il confine tra smartphone e laptop.

Il laptop Project Linda di Razer integra perfettamente il Razer Phone all’interno del suo telaio dove in un nomale laptop è situato il touchpad. Il motore di questo ibrido è composta dalla piattaforma Qualcomm® Snapdragon™ 835 e ai 8GB di RAM situati sul dispositivo Razer Phone, offrendo ottime performance, trasformano istantaneamente Project Linda in un laptop Android. Il display del Razer Phone da 5,7 pollici può essere usato come touchpad o come secondo schermo, per accedere ad app, strumenti e altro ancora.

I power user Android e gli appassionati di laptop condividono l’esigenza di avere prestazioni elevate in formato mobile, che forniamo con i nostri pluripremiati Razer Phone e laptop Razer. Project Linda unisce il meglio dei due mondi, portando uno schermo più grande e una tastiera fisica all’ambiente Android, migliorando l’esperienza per il gaming e la produttività“, afferma il co-fondatore e CEO di Razer Min-Liang Tan.

Alle specifiche di Project Linda ci si aggiunge una tastiera integrata di dimensioni standars, in questo modo gli utenti possono beneficiare di un’esperienza di digitazione reattiva, confortevole e personalizzata per l’ambiente Android con tasti dedicati alla navigazione e alla ricerca.

La retroilluminazione Razer Chroma è ideale in situazioni di scarsa illuminazione e può anche essere personalizzata con milioni di opzioni di colore. Gli utenti possono completare l’esperienza di utilizzo del laptop usando il telefono agganciato come touchpad, o collegando un mouse per un controllo accurato nei giochi e nelle app.

Progettato per la mobilità, lo chassis in alluminio CNC unybody del Razer Project Linda misura soli 15 mm di spessore e pesa meno di 1,25 kg, incluso il telefono. Il touchscreen Quad HD da 13,3 pollici estende l’esperienza a 120 Hz disponibile sul Razer Phone su un display più ampio, fornendo fluidità e immagini vivaci.

Il concept include anche una batteria interna da 53,6 Wh che in caso di mancanza di corrente può caricare per tre volte rapidamente e alla massima capacità il telefono collegato. All’interno del laptop sono presenti 200 GB di spazio di archiviazione, consentendo backup offline, ulteriori supporti e app storage locali. La connettività offerta da Project Linda include un jack audio incorporato da 3,5 millimetri, una porta USB-A, una porta di ricarica USB-C, una webcam da 720p e un microfono dual-array, offrendo una serie di opzioni per la comunicazione e i dispositivi esterni.

Razer si è aggiudicata per sette anni consecutivi gli award “Best of CES”, grazie a innovazioni quali Razer Switchblade (2012), il tablet Razer Edge (2013), Project Christine (2015) e Razer Blade Stealth and Core (2016).

Ulteriori info, sono consultabili presso il seguente Link

Questo slideshow richiede JavaScript.

Caratteristiche del prodotto

  • Display 13,3 pollici Quad HD 120 Hz
  • Tastiera retroilluminata con Razer Chroma
  • 15 mm di spessore
  • Meno di 1,25 kg di peso
  • Webcam da 720p con microfono dual-array
  • Porte: una USB-A, una USB-C e un jack audio 3,5mm
  • 200 GB di spazio di archiviazione extra

Share.

About Author

Manuel Angarano

Videogiocatore incallito e amante dell'animazione, il pc diventa la piattaforma perfetta per gioco, intrattenimento e lavoro. Non seguo molto i prodotti èlite cercando sempre prodotti con la miglior resa ad un costo minore rendendo il risparmio un mantra.