Recensione The Room Three


Notice: Undefined property: stdClass::$name in /var/www/www.warnerd.net/public_html/wp-content/plugins/wp-appbox/inc/getappinfo.class.php on line 1022

Notice: Undefined property: stdClass::$url in /var/www/www.warnerd.net/public_html/wp-content/plugins/wp-appbox/inc/getappinfo.class.php on line 1023

Notice: Undefined index: app_has_iap in /var/www/www.warnerd.net/public_html/wp-content/plugins/wp-appbox/inc/getappinfo.class.php on line 253

Quest’anno, dopo un periodo di silenzio e successivamente tweet e foto sullo sviluppo del titolo, il team di Fireproof Games è riuscita a portare sui nostri dispositivi mobili, il terzo capitolo della serie “The Room”.

Questo nuovo capito, ricco di nuove avventure e contenuti, saprà tenere incollato al display il giocatore, per tutta la durata della campagna.

The_Room_Three_Keyart

Il punto di forza del titolo, così come i suoi predecessori, è la cura data nella realizzazione degli enigmi che in questa nuova avventura, tendono a diventare più lunghi ed alcune volte anche intricati, impegnando il giocatore nella loro risoluzione, implicando anche le basilari capacità di calcolo, per risolvere alcuni enigmi per procedere nelle fasi degli eventi. Il titolo quindi, non si discosta dal suo capostipite, contrapponendo enigmi semplici ed immediati, a quelli più complessi e seguendo quello che è oramai un filone consolidato nel genere del puzzle game ed anzi, troviamo aggiunti nuovi criteri di indagine molto più approfondita, addentrandoci letteralmente all’interno dei macchinari, allo scopo di carpire la risposta o la chiave dell’enigma.

The Room 3_2

Il gioco quindi, seppur seguendo lo stile del genere puzzle game, presenta una trama ben sviluppata, contornata dalle lettere e pergamene, lasciate da un personaggio noto come “Il Maestro” che ci darà modo di comprendere meglio, ciò che ci aspetta in questa avventura; per altro la trama principale, quasi ci obbligherà a rigiocare una parte degli eventi, più e più volte, allo scopo di completarlo in ogni sua fase e quindi superare tutti gli eventi che non sono accessibili durante la prima fase di gioco, sbloccando infine tutti i finali presenti in esso.

The Room 3_1

All’intero del titolo, quindi le migliorie si son fatte sentire, complice il fatto del lungo tempo che lo staff ha impiegato per realizzare il titolo. Partiamo dalla prima funzione, seppur la più semplice a dirsi: il supporto al cloud; infatti grazie alle funzioni offerte dagli account Google, con Play Games o con gli account Apple di iCloud, sarà possibile trasferire i nostri salvataggi e/o profilo di gioco, sui nostri dispositivi, rendendo possibile continuare l’avventura ovunque, senza fermarci un attimo.

Troviamo migliorato inoltre, il sistema di gestione dei suggerimenti che assiste l’utente, nei momenti in cui si presenta il classico “blackout” da “non so cosa fare ora”.

Infine, sono state introdotte alcune gesture che serviranno per interagire con elementi dello scenario, come chiavi, libri o manopole, allo scopo di restituire una sensazione più coinvolgente per l’utente finale.

The Room 3_3

Parlando per ultimo, ma non per questo meno importante, del comparto grafico e sonoro, dobbiamo render presente la buona qualità dei dettagli, resa fruibile sui dispositivi mobili, evidenziando però anche alcuni difetti che il gioco ha mostrato durante le sessioni di gaming, ovvero sporadici microlagging durante le rotazioni della telecamera o caricamento in ritardo delle texture durante la fase di transizione da un vano all’altro. Nota molto positiva invece va data alla colonna sonora del gioco, traccia ben curata e che oramai per chi ha giocato i tre titoli, conoscerà a memoria e di un brano sinfonico, denominato “Midnight at Grey Holm” inserito ad hoc all’intero di un preciso evento di gioco. Anche i singoli suoni, in riferimento ad oggetti e/o effetti di gioco, son stati curati nel dettaglio, simbolo dell’impegno del team di sviluppo, nel rilasciare un titolo che riesca ad appassionare o per lo meno incuriosire, anche chi non è propriamente avvezzo al genere.

Concludiamo quindi, dicendo che, nonostante i piccoli difetti che presenta il titolo (sicuramente verranno corretti a posteriori con delle patch), il titolo, o anzi l’intera collezione, merita di essere giocata. Ricordiamo infine, che il titolo è sbarcato sulle piattaforme degli store, in primis per iOS, nel periodo di Ottobre/Novembre, mentre per Android ha visto slittare la data d’uscita, dopo una fase di beta testing, all’11 Gennaio, giorno da cui è ufficialmente disponibile nello store.  Il prezzo a cui viene commercializzato il titolo è 4,99€, ma per chi è appassionato della serie, la spesa sarà ampiamente giustificata dal tempo e dalla passione che si potrà carpire da questa avventura. Per chi desiderasse iniziare a provare tutta la collezione, invito ad acquistare il primo capitolo, disponibile sugli store ad un prezzo bassissimo.

 

The Room Three
The Room Three
Developer:
Price: 4,49 €
The Room Three
The Room Three
Developer: Fireproof Games
Price: 4,39 €
The app was not found in the store. 🙁
Share.

About Author

Gianluca Barbagallo

Appassionato di tecnologia fin da piccolo, redattore con esperienza alle spalle e pronto a dare sempre il giusto consiglio, in maniera obiettiva e tecnica. Curerò insieme ai colleghi, la parte Tecnologia e Movies. Per contattarmi, potete farlo mediante i vari social network o all'indirizzo mail: [email protected]